Skip to main content
Internal Market, Industry, Entrepreneurship and SMEs

Glossario di termini tecnici

Attività estrattiva artigianale e su piccola scala (ASM)

L'OCSE definisce le ASM come "attività formali o informali caratterizzate da forme per lo più semplificate di prospezione, estrazione, trasformazione e trasporto. La ASM è solitamente a basso impiego di capitale e utilizza tecnologia a forte presenza di manodopera. La ASM può comprendere uomini e donne che lavorano su base individuale come anche in gruppi familiari, in partenariato o come membri di cooperative o in altre forme associative e imprese legali che riuniscono centinaia o migliaia di minatori”.

Blockchain

Un blockchain è un database distribuito che è utilizzato per redigere un elenco in costante crescita di registrazioni, denominate blocchi. Una volta registrati, i dati in un qualsiasi blocco, non possono essere modificati senza danneggiare l'intera catena. Offre un modo per registrare e tracciare in modo affidabile le transazioni mediante l’assenso di tutti gli operatori della catena di approvvigionamento. È sempre più utilizzato da molti provider di software di mappatura della catena di approvvigionamento come metodo per la tenuta della documentazione inter-organizzativa.

Zone di conflitto e ad alto rischio

Secondo le linee guida dell'OCSE sul dovere di diligenza le zone di conflitto e ad alto rischio sono contraddistinte "dalla presenza di conflitto armato, violenza diffusa o altri rischi di danni alle persone". "Le zone ad alto rischio sono quelle in cui esiste un rischio elevato di conflitto o di abusi diffusi o gravi, quali definiti nelle linee guida al paragrafo 1 dell'allegato II”. La definizione di zone di conflitto e ad alto rischio del regolamento UE è coerente con la definizione delle linee guida dell’OCSE.

Modello di relazione sui minerali provenienti da zone di conflitto (CMRT)

Il modello di relazione sui minerali provenienti da zone di conflitto è un modello gratuito e standardizzato creato dalla RMI in collaborazione con i membri di RMI, AIAG (Automotive Industry Action Group) e JEITA (Associazione delle industrie di elettronica e IT del Giappone). Il modello di relazione sui minerali provenienti da zone di conflitto facilita il trasferimento di informazioni attraverso la catena di approvvigionamento relativamente al paese di origine dei minerali e alle fonderie e alle raffinerie utilizzate. Aiuta a rispettare la normativa e ad aderire alle linee guida dell'OCSE sul dovere di diligenza. Il modello facilita inoltre l'identificazione di nuove fonderie e raffinerie che possono partecipare potenzialmente a programmi di garanzia indipendenti realizzati da terzi, secondo la fase 4 dell'OCSE. Il modello di relazione sui minerali provenienti da zone di conflitto ha l’obiettivo di avvantaggiare i fornitori e i loro clienti, promuovendo la coerenza e l'efficienza nel processo di dichiarazione di scambio dei dati sul dovere di diligenza riguardante i minerali. Il modello di relazione sui minerali provenienti da zone di conflitto è stato realizzato in base allo standard IPC-1755 per lo scambio di dati sui minerali provenienti da zone di conflitto. I provider di soluzioni IT spesso consentono alle imprese di caricare il modello in formato MS Excel da inserire direttamente nelle piattaforme IT.
Il Modello di relazione sui minerali provenienti da zone di conflitto è disponibile online

Piano d'azione post audit

Il piano d'azione post audit è un piano d'azione passo a passo per affrontare i problemi di una catena di approvvigionamento, utilizzato più di frequente negli audit. Dovrebbe includere responsabilità e azioni concrete di prevenzione, attenuazione e misure per rimediare ai rischi individuati, entro un termine stabilito.

Divulgazione

Secondo l'OCSE, "le imprese dovrebbero garantire che siano divulgate informazioni tempestive e accurate su tutti i temi materiali riguardanti le loro attività, la loro struttura, la loro situazione finanziaria, le loro prestazioni, la proprietà e la governance. Tali informazioni dovrebbero essere divulgate su tutta l'impresa e, se appropriato, anche rispetto alle linee commerciali o aree geografiche. Le politiche di divulgazione delle imprese dovrebbero essere adattate alla natura, alle dimensioni e all'ubicazione dell'impresa, tenendo debitamente conto dei costi, della riservatezza commerciale e di altri problemi riguardanti la concorrenza".Vedere le linee guida dell'OCSE per il documento relativo alle imprese multinazionali

Sezione 1502 della legge Dodd-Frank

La legge Dodd Frank è una norma che obbliga le imprese statunitensi della Securities and Exchange Commission (SEC) (ai sensi delle sezioni 13[a] o 15[d] della Legge sugli scambi) a verificare e a segnalare se nelle loro catene di approvvigionamento sono presenti "minerali provenienti da zone di conflitto" del RDC e dei 9 paesi limitrofi. Tale norma, attualmente in fase di revisione, non vieta l'uso di "minerali provenienti da zone conflitto".

Imprese a valle

Tutte le imprese a valle delle raffinerie e delle fonderie (far riferimento alla sezione con le FAQ 5). Le imprese a valle comprendono "commercianti di metalli e borse metalli, banche dell’oro, altre entità che hanno una propria attività di deposito di oro, produttori di componenti, fabbricanti di prodotti, produttori di apparecchiature originali, produttori di gioielli, rivenditori e altre imprese che utilizzano metalli nella fabbricazione di prodotti, quali produttori e commercianti di apparecchiature elettroniche e/o dispositivi medici". Per maggiori informazioni, vedere il documento linee guida sul dovere di diligenza: verso una catena di approvvigionamento di minerali non provenienti da zone di conflitto. In particolare, le linee guida di facile uso dell'OCSE.

Il dovere di diligenza

Il dovere di diligenza è il processo che consente alle imprese di identificare, prevenire e mitigare il proprio impatto negativo, effettivo e potenziale e di rendere conto del modo in cui affrontano tale impatto. (Linee guida OCSE destinate alle imprese multinazionali, Parte II - Principi generali, pag. 20) Il dovere di diligenza può essere incluso in sistemi più ampi di gestione dei rischi delle imprese, a condizione che vada oltre la semplice individuazione e gestione dei rischi materiali per l'impresa stessa, includendo i rischi di impatto negativo connessi agli argomenti trattati dalle linee guida (Guida dell’OCSE sul dovere di diligenza per la condotta d’impresa responsabile - versione 2.1, pag. 8). Per una descrizione completa dei rischi, vedere pagina 6 delle sopraccitate linee guida di facile uso dell’OCSE.

Programmi per il dovere di diligenza

I programmi per il dovere di diligenza sono iniziative che possono contribuire al conseguimento degli obiettivi del regolamento UE "volti a spezzare il legame tra conflitti e approvvigionamento di stagno, tantalio, tungsteno e oro. Tali regimi si basano su audit eseguiti da soggetti terzi indipendenti per la certificazione di fonderie e raffinerie che dispongano di sistemi atti a garantire che l'approvvigionamento di minerali avvenga in modo responsabile. [...] La metodologia e i criteri per stabilire l'equivalenza di tali regimi con gli obblighi del regolamento UE dovrebbero essere stabiliti in un atto delegato, onde consentire ai singoli operatori economici che sono membri di tali regimi di conformarsi al presente regolamento nonché al fine di evitare la duplicazione degli audit” (Regolamento UE sui minerali provenienti da zone di conflitto).

Il regolamento dell’Unione Europea

A decorrere dall’1 gennaio 2021, le imprese devono conformarsi al regolamento (UE) 2017/821 che stabilisce gli obblighi relativi all’attuazione del dovere di diligenza nella catena di approvvigionamento per gli importatori UE di stagno, tungsteno, tantalio, i loro minerali, e oro provenienti da zone di conflitto e ad alto rischio, a condizione che i volumi annuali delle importazioni superino quelli indicati nell'allegato 1 del regolamento.

Controlli ex post

Ai sensi del regolamento UE, le autorità competenti dei paesi dell’Unione effettueranno controlli ex post per garantire che gli importatori di minerali o di metalli rispettino il regolamento. La Commissione ha fornito alle autorità competenti dei paesi dell'UE linee guida chiare sulle modalità di esecuzione di tali controlli ex post. Le autorità competenti esamineranno il modo in cui le imprese hanno rispettato il regolamento.

Denunce

Le denunce sono preoccupazioni e affermazioni formali e gravi presentate da qualsiasi parte interessata (parti coinvolte o denuncianti) che affermano l’esistenza di un danno o esprimono un timore o un’insoddisfazione derivanti dalle attività e relativi impatti dell’impresa stessa o dei suoi fornitori lungo la catena di approvvigionamento. La denuncia implica l'aspettativa che l’impresa fornisca una risposta o metta in atto un'azione correttiva. Le procedure di denuncia descrivono i passi che i denuncianti possono fare per redigere una relazione (e gli strumenti a loro disposizione per farlo, come linee telefoniche di assistenza, ecc.), e le modalità con cui il personale incaricato deve attivarsi in merito a tali relazioni.

Meccanismi di denuncia e di reclamo

I processi interconnessi che fanno parte dell'attuazione di una procedura di denuncia, quali la ricezione, l'indagine e la risposta a una denuncia o a un reclamo.

Sistema di gestione

Un sistema di gestione è un regime attuato per rispettare gli impegni assunti nell’ambito di una politica. In genere comprende la politica, le procedure, le risorse, i ruoli, le responsabilità, gli obblighi e i metodi di segnalazione, la gestione dei dati e l'infrastruttura necessaria per l’adempimento della politica. Nella sezione domande frequenti si trovano maggiori dettagli.

Attenuazione

L’attenuazione va attuata quando esiste un rischio di creazione o perpetuazione del danno tramite l'attività dell’impresa. Tali attività comprendono contribuire al compimento di gravi abusi, sostenere direttamente o indirettamente gruppi armati non statali o forze di sicurezza pubbliche o private, o catene di custodia e/o tracciabilità inadeguate, imprecise e fraudolente. Attuando un piano di gestione del rischio concertato con fornitori e soggetti interessati, un’azienda può importare da zone problematiche e fornitori che vi operano, riducendo al minimo qualsiasi effetto negativo derivante dai rischi identificati. L’attenuazione del rischio viene effettuata dopo aver individuato i rischi, o quando essi si concretizzano, e il processo mira a ridurne l'impatto negativo. Quando si concretizza un impatto negativo, occorre anche porre in essere misure di attenuazione.

Le linee guida dell'OCSE sul dovere di diligenza per le catene di approvvigionamento responsabile di minerali provenienti da zone di conflitto e ad alto rischio

Un quadro di attuazione dell’esercizio del dovere di diligenza creato per consentire alle imprese di identificare e gestire i rischi connessi ai minerali provenienti da zone di conflitto nelle loro catene di approvvigionamento. Consiste nelle seguenti 5 fasi. (1) Creare solidi sistemi di gestione d’impresa. (2) Individuare e valutare i rischi nella catena di approvvigionamento. (3) Progettare e attuare una strategia per rispondere ai rischi individuati. (4) Fare eseguire un audit di terza parte indipendente sulle pratiche di attuazione del dovere di diligenza della raffineria. (5) Redigere una relazione annuale sul dovere di diligenza nella catena di approvvigionamento. Le linee guida dell'OCSE sul dovere di diligenza hanno supplementi separati per lo stagno, il tantalio, il tungsteno e l'oro. L'OCSE raccomanda alle PMI di adattare le linee guida sul dovere di diligenza in funzione delle proprie dimensioni e del profilo di rischio.

Rimedio

Le linee guida dell'OCSE sul dovere di diligenza per una condotta d’impresa responsabile indicano che il rimedio si riferisce sia alle “procedure per fornire un rimedio a un impatto negativo sia gli esiti sostanziali in grado di contrastare o correggere l’impatto negativo, comprendenti: scuse, restituzione o riammissione, compenso finanziario o di altra natura (compresa la costituzione di fondi di risarcimento per le vittime, o per i futuri programmi di assistenza e di istruzione), sanzioni punitive (penali o amministrative, come le ammende), nonché la prevenzione dei danni tramite, ad esempio, ingiunzioni o garanzie di non reiterazione" (Linee guida dell'OCSE sul dovere di diligenza per la condotta d’impresa responsabile , versione 2.1, pag. 7)

Indagine ragionevole sul paese di origine (RCOI)

Un'indagine condotta per stabilire se stagno, tantalio, tungsteno e oro di una catena di approvvigionamento provengono da una zona di conflitto o ad alto rischio, o da prodotti riciclati o di scarto. Il significato di “indagine ragionevole” dipende da vari fattori, tra cui le dimensioni dell’impresa, i suoi prodotti, la visibilità della sua catena di approvvigionamento e i rapporti con i fornitori. La RMI fornisce ai suoi membri un elenco di informazioni del paese di origine sulla provenienza dei minerali di zone di conflitto presenti nelle catene di approvvigionamento di stagno, tantalio, tungsteno e oro, per aiutare le imprese a conformarsi alle Linee guida dell'OCSE sul dovere di diligenza. Visualizzare l'elenco RCOI (elenco completo disponibile solo per i membri).

Rischi e valutazione del rischio

I rischi si riferiscono agli effetti potenzialmente avversi che l’attività di un’impresa potrebbe causare attraverso le proprie pratiche commerciali, i rapporti con i fornitori e con altre entità nella catena di approvvigionamento. Tramite l’esercizio del dovere di diligenza, un’impresa identifica i potenziali rischi derivanti dall’essere collegata direttamente o indirettamente (ad esempio, attraverso la catena di approvvigionamento) all'estrazione e al trattamento non responsabile di minerali in zone di conflitto e ad alto rischio. Una società effettua una valutazione del rischio esaminando le circostanze effettive della propria attività commerciale e del livello di rischio, verificando se tali circostanze sono conformi alle leggi e alle norme nazionali e internazionali.

Software as a Service (SaaS)

SaaS è un modello di licenza e fornitura di software in cui il software è concesso su abbonamento e ospitato a livello centrale. Solitamente gli utenti possono accedervi tramite un browser web.

Piccole e medie imprese

Nell’Unione Europea, "la categoria delle micro, piccole e medie imprese (PMI) è costituita da imprese che occupano meno di 250 persone e hanno un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro e/o un totale dell’attivo dello stato patrimoniale non superiore a 43 milioni di euro".

Software di mappatura della catena di approvvigionamento

Il software di mappatura della catena di approvvigionamento aiuta le imprese a comprendere, comunicare e raccogliere dati dalla catena di approvvigionamento, solitamente attraverso una piattaforma online. Questi strumenti consentono alle imprese di raccogliere centralmente informazioni sulla catena di approvvigionamento e di analizzarle ed elaborarle in modo efficiente. Questo software può anche aiutare le imprese a garantire che i dati raccolti dai fornitori siano conformi a leggi o linee guida necessarie, a cui devono o desiderano attenersi/conformarsi.

Audit di terza parte

Un audit di terza parte nel contesto delle linee guida dell'OCSE sul dovere di diligenza, è un processo mediante il quale una terza parte indipendente verifica il rispetto delle 5 fasi del processo relativo al dovere di diligenza. L’auditor esamina le attività, i processi e i sistemi utilizzati da un'impresa per esercitare il dovere di diligenza nella catena di approvvigionamento. In base al regolamento UE sui minerali provenienti da zone di conflitto (articolo 6), l’auditor deve valutare la conformità al regolamento dei sistemi di gestione, della gestione dei rischi e della divulgazione delle informazioni degli importatori. L’auditor formula raccomandazioni per l’impresa su come migliorare le pratiche relative al dovere di diligenza. Gli importatori possono essere esentati dagli audit di terza parte se riescono a fornire prove che dimostrano che le loro fonderie e raffinerie sono conformi al regolamento UE. Tali prove comprendono le relazioni di audit di terza parte.

Tracciabilità e catena di custodia

Come indicato nelle linee guida dell'OCSE sul dovere di diligenza, la tracciabilità è la capacità di individuare la provenienza del minerale o del metallo e chi lo ha movimentato, per scoprire dove e da quali circostanze ha avuto origine. La tracciabilità dipende dai processi per tracciare gli spostamenti dei minerali lungo la catena di approvvigionamento (dal punto di origine alla fonderia o alla raffineria). La traccia cartacea che registra la sequenza di individui e imprese che prendono in custodia i minerali nel processo di spostamento lungo la catena di approvvigionamento è chiamata catena di custodia. È importante notare che si stanno sviluppando nuove tecnologie per identificare e tracciare i minerali lungo le catene di approvvigionamento.

Imprese a monte

Comprendono “i minatori (artigiani e piccoli produttori o grandi produttori), i commercianti locali e gli esportatori del paese di origine dei minerali, i commercianti internazionali di concentrati, le imprese di ritrattamento di minerali, le raffinerie e le fonderie".

Denunciante

Qualsiasi collaboratore, appaltatore, cliente e/o terzo che sporga reclami e/o denunce relativi alle attività e agli impatti dell’impresa o dei suoi appaltatori.

Domande frequenti sulle linee guida dell’OCSE sul dovere de diligenza

Questa sezione aiuterà le aziende a trovare risposte ad alcune delle domande che le PMI si pongono in merito al dovere di diligenza.

Domande frequenti delle PMI sul dovere di diligenza

Fase 1: Sistemi di gestione d’impresa

Fase 2: Individuazione e valutazione del rischio

Fase 3: Ideazione e attuazione di una strategia di risposta ai rischi individuati

Fase 4: Audit di terza parte

Fase 5: Reporting

Contatti nei paesi dell’UE

Questa sezione offre la lista ufficiale delle autorità competenti degli stati membri, una versione rivisitata della lista contenente contatti aggiuntivi, valida solo per questo portale e i contatti di altre istituzioni nazionali tenute a garantire l'applicazione uniforme del regolamento (UE).

Lista ufficiale delle autorità competenti

Lista ufficiale delle autorità competenti con contatti aggiuntivi valida solo per questo portale

Altri contatti nazionali